Progetto internazionale “PRAMASHVAR – L’INFINITO”

E’ senza alcun dubbio un “grande progetto” d’arte quello intrapreso dall’autorevole Maestro Nicola Stagetti, già noto scultore di Pietrasanta. La sua lunga carriera creativa l’ha portato ora a realizzare un’opera monumentale dedicata al Santo indiano YOGIRAJ SARKAR GODARIWALE JI, il cui progetto è stato presentato il 20 Luglio nel Comune di Pietrasanta alla presenza del Sindaco della città e del capo spirituale Trustee.

 L’artista ha visitato il 6 maggio 2018 il luogo dove verrà posizionato il capolavoro scultoreo, realizzato interamente nel pregiato marmo di Carrara, opera imponente dall’altezza considerevole di ben 3,3 metri. Il progetto prende il nome di PRAMASHVAR-L’INFINITO.

 Un titolo che risuona nella volontà di ricordare lo splendore del Santo attraverso la compassione che sprigiona il suo volto, la sua benevolenza e grazia, in una sola parola; il “Supremo”.

 È stato sicuramente molto impegnativo per l’artista, riprodurre, non solo un soggetto attraverso una vecchia fotografia, ma anche riuscire a trasmettere messaggi e sentimenti che raffigurano l’essenza pregnante di tutto ciò che il Santo indiano rappresenta, per i milioni di seguaci distribuiti in tutto il mondo.  Nicola Stagetti ancora una volta ha superato sé stesso, realizzando un’opera che sarà osservata, ammirata, studiata e venerata per sempre, un riconoscimento umano e artistico di enorme valore internazionale che certifica ancora una volta il valore dell’artista e della scuola d’arte italiana.

Sensibilità, professionalità e passione, elementi inscindibili nel lavoro di Stagetti, esaltati oggi anche grazie a questa opera che sorgerà a pochissimi chilometri dal celebre Taj Mahal, una delle più straordinarie bellezze del mondo. Il luogo designato si trova a Hathras, in India. 

Ringrazio il dott. Robin Sethi, che ha dedicato tutta la sua vita al progetto,  per il lavoro di sensibilizzazione che sta facendo per far conoscere al mondo l’autorevolezza di questo progetto al quale seguirà l’apertura di una Galleria in omaggio alla Città di Pietrasanta e inserita nel contesto previsto per il nuovo meraviglioso Santuario dedicato al Santo YOGIRAJ SARKAR GODARIWALE JI che conterrà la scultura del Maestro Nicola Stagetti (www.studiostagetti.com).

 

Alberto Moioli

 

 

 

 

SEN SHOMBIT a BARBIZON

Le opere di Sen Shombit hanno trovato casa nel Centro Culturale Francese di Barbizon.

collegamenti:

Alberto Moioli web site

Corriere Quotidiano – Speciale Arte

Sen Shombit  – Web site

 

Continua a leggere

TARA KELTON

Tara Kelton e’ un’artista indiana in cui l’estro creativo esplode in tutta la sua forza dell’indagine. La ricerca di un suo nuovo linguaggio espressivo è’ inserito nel mondo dell’arte contemporanea più avanzata e preparata, un alfabeto che ben si destreggia con tutti i nuovi media, dal video a internet.
La creatività di Tara sbocca anche nell’esercizio didattico insegnando all’Universita di Bangalore, città dove vive.
Tara Kelton si è formata attraverso la Yale University School of Art e la Person School of Design. 
Nella sua carriera moltissime mostre collettive che l’hanno portata ad esporre a Los Angeles (Usa), Lisbona (Portogallo), Londra (England), Tbilisi (Georgia), Philadelphia, Boston, NewYork (Usa), Karlsruhe  (Germany) e Basel (Suisse) e quattro importanti “solo exhibition ” a Delhi, Bangalore, Mumbay in India e Londra in Inghilterra.
Tra le sue opere anche “autoportait” che ho il piacere d’aver ammirato di persona. Una serie di carte con alcuni tratti di colore dove la sintesi espressiva e’ estrema ma l’insieme di queste rappresenta un racconto molto personale e sequenziale davvero di grande interesse. La ricerca porta ad un risultato molto emozionante in cui l’artista si riflette attraverso la semplicità dotta di un gesto espressivo particolarmente poetico. Nel  sito internet questa opera diventa ritmo e movimento,  prende vita grazie alla sapiente maestria dell’arte digitale.
Ora resta solo da scoprire quale sarà la prossima intuizione di Tara Kelton , di certo è un’artista che merita di essere seguita da tutti gli amanti dell’arte contemporanea. 

A cura di Alberto Moioli

 

SEN SHOMBIT a Barbizon

Il grande artista francese di origini indiane Sen Shombit ha esposto a Barbizon, luogo simbolo della storia dell’arte che ci riporta all’800 con la straordinaria scuola romantica del paesaggio.

Sen Shombit – Exposition à l’Espace Culturel Marc Jacquet

Commissaire d’Exposition – Alberto Moioli

Sen Shombit, il libro di Barbizon

E’ ufficialmente arrivato il catalogo della mostra di Sen Shombit a Barbizon.

Grande soddisfazione…..

Alberto Moioli

Questa presentazione richiede JavaScript.

Sen Shombit – Ville Enigmatique, Art Car – Renault Kwid

Quote from Patrick Lecharpy, Renault’s Design Director in Paris:

“In the Kwid that Sen painted at our invitation, it’s the first time an artist has narrated a story through his painting style in an art car, in contrast to earlier art cars done by famous artists like Lichtenstein, Warhol, Koons and Calder that showcased just the artist’s style of art.
“I am fascinated by Sen’s bi-cultural aspect in his art. The Kwid art car vividly reflects his French inspiration, Indian colours through ‘Ville Enigmatique’ where he juxtaposed historical French Bengal and Victorian Bengal with traditional Bengali life that continues till today.”

http://www.sen-art.com 

INDIA …. il ritorno….

Un’esperienza  molto forte con un ottimo artista, Sen Shombit, sono stato ospite nella sua straordinaria Casa Museo di Bangalore.

Il risultato è la preparazione di due libri che accompagneranno separatamente le due mostre personali che si svolgeranno a Mombay (India) a Novembre e a Barbizon (Francia) a Dicembre 2016.

dsc08354

Si è reso necessario “respirare” e “vivere” l’aria indiana per poter comprendere ciò che anima l’estro creativo dell’artista che ha assimilato dalle sue origini indiane un senso cromatico molto interessante. Sen è un artista francese con origini indiane, l’unione di queste caratteristiche esplode nel suo gesto espressivo, tutto da conoscere.

Ne parleremo molto presto.

Alberto Moioli

 

Questa presentazione richiede JavaScript.